Blog: http://martinrua.ilcannocchiale.it

Massoni d'Italia sì, ma deceduti da un pezzo

Siamo alle solite. Quando un giornale (che sia scadente o di qualità, nessuno si salva) vuole fare uno scoop facile, parla di Massoneria. L'ultimo caso è quello della Voce delle voci, un mensile scadente che ha pubblicato a settembre la prima parte di una lista di appartenenti a logge massoniche. Il punto è che in questa lista figura un buon 40% di nomi di deceduti, segnale chiarissimo del fatto che questa lista (trasversale, vi sono nomi di appartenenti a varie obbedienza) è la stessa che circola in rete da un po' di tempo. Basta fare un giro in Google.
Ora, pubblicare nominativi di un'associazione sarebbe lecito solo in caso di sospetto di violazione di leggi e non è questo il caso, per cui si tratta di una violazione della privacy. E' quanto stabilito dal Tribunale di Napoli cui la questione è stata sottoposta dalla Gran Loggia d'Italia. Potete leggere parte della risposta del Tribunale seguendo questo link.




Pubblicato il 2/11/2008 alle 12.54 nella rubrica Massoneria.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web